Una sconfitta di misura ed immeritata, dopo una prestazione di spessore sul piano tecnico-tattico, non cancella in vista del rush finale del campionato le speranze dell’Ecogruppo Torre del Grifo, mai così vicina alla conquista del primo pareggio o della prima vittoria in questo torneo. Un risultato positivo che sembrava alla portata, dopo il primo tempo chiuso sul 2-0 ed anche al termine della seconda frazione, sul 3-2. Decisivo l’allungo veronese nel terzo quarto del match, seguito dal batti e ribatti dell’ultimo parziale, per il definitivo 7-8. Per Ecogruppo Torre del Grifo, storica prima volta nella piscina di casa e prima gara con Giusi Malato in panchina. L’allenatrice etneo osserva: “La partita è stata bella e avvincente, giocata colpo su colpo. Abbiamo iniziato molto bene, determinate e convinte di portare a casa il risultato. La squadra, molto compatta in difesa, ha cercato di limitare il centroboa canadese Alogbo. In attacco, grazie all’arrivo di un’atleta forte ed esperta come Isabella Morrison, centroboa della nazionale neozelandese, siamo riusciti ad arrivare più volte al tiro sotto porta, dimostrando di essere sulla buona strada per risolvere un nostro problema.
Ho notato grandi miglioramenti, adesso dobbiamo stringere ancor di più i denti. La matematica non ci condanna e nemmeno il calendario, noi ci crediamo. La nostra casa è Torre ed era giusto provare a giocare qui, a tutti i costi. Ci siamo riusciti. La tribuna era gremita in ogni ordine di posto, il calore dei nostri sostenitori è importante ed emozionante. La mia avventura in panchina? Abbiamo scelto di seguire questo nuovo percorso, continuerò a giovarmi della collaborazione di Moira Vaccalluzzo e Floriana D’Ursi, voglio ringraziarle pubblicamente per l’impegno, la passione e la collaborazione”. Sabato 9 febbraio alle 15.00, nel nostro centro sportivo, Ecogruppo Torre del Grifo-Kally N.C. Milano, gara valevole per la terza giornata del girone di ritorno.

Serie A1 – Pallanuoto Femminile – Undicesima giornata